Archivi tag: ifix

Juvenilia, la nuova collana di albi illustrati targata IFIX

SCARABOCCHI – La rubrica dedicata alla letteratura per bambini e ragazzi 

di Emanuela D’Alessio

pinocchioTra le molte novità di quest’anno alla fiera della piccola e media editoria Più Libri, Più Liberi, conclusa l’11 dicembre, ne raccontiamo una in particolare.
Si chiama Juvenilia ed è la nuova collana di albi illustrati per bambini e realizzati dai bambini stessi, edita da IFIX di Maurizio Ceccato e Lina Monaco.

Non è l’ennesima serie di libri di favole illustrate, ma molto di più e di diverso.
Se la fiaba resta sempre il punto di partenza, è l’arrivo a stravolgere completamente la prospettiva. Juvenilia, infatti, utilizza i personaggi delle favole contemporanee già divenute classici, per poter raccontare con un linguaggio moderno, ma mai esplicito, i tempi della nostra contemporaneità.

Il primo ciclo prevede la riscrittura di tre favole, Pinocchio, La Sirenetta e Il brutto anatroccolo, tre favole che parlano di trasformazione.
Il risultato è il frutto di un lavoro di squadra e di competenze differenti: Eugenia Cassandra, psicologa e psicoterapeuta dell’età evolutiva, ha messo a disposizione i suoi strumenti per comprendere i sottotesti presenti nelle favole; tre scrittori hanno rielaborato i testi cercando spiragli narrativi inaspettati per rendere le storie più vicine ai bambini del nostro tempo; infine i bambini, che hanno realizzato le immagini durante sei incontri, presso la libreria Scripta Manent, sotto la guida dell’illustratrice Cecilia Campironi.

Il primo libro in uscita è Pinocchio, narrato dallo scrittore e musicista Alberto Fiori. Un lento viaggio, attraverso i suoni e i rumori, in cui la trasformazione avviene nella notte. Mettendo su pagina ciò che Collodi non ci ha mai raccontato. Una voce narrante in prima persona che scandaglia, con curiosità e timore, i cambiamenti del suo corpo, materici e sensoriali. Il testo breve ma con ritmo incalzante, scandisce le ore che passano fino al risveglio. Le immagini illustrano un percorso inedito di un Pinocchio che sembra essere il protagonista della storia, fino a comprendere che quel personaggio, altro non era che un giocattolo col quale il bambino attraversa la notte, luogo simbolico in cui risiedono tutte le paure ancestrali e adolescenziali e, una volta fattasi luce, il giocattolo può essere riposto in una scatola perché il bambino è pronto per affrontare la sua giornata… o la vita.

pinocchio_juvenilia_02Ne abbiamo parlato meglio con Lina Monaco, responsabile editoriale di Juvenilia.

Riscrivere favole, e di quelle più celebri come Pinocchio, La Sirenetta o Il brutto anatroccolo, affidare a bambini il compito di illustrarle, e infine decidere di pubblicare “in casa”. Insomma, la sfida sembra un vero salto triplo mortale. Che cosa ne pensi?
Penso che sarebbe inopportuno disturbare i “monumenti” della nostra cultura fiabesca se non ne valesse davvero la pena. Il progetto è ambizioso e si fa carico di restituire al lettore una proposta inedita ma di cui, probabilmente, si sente già la necessità.

Come è nato il progetto? Dalle favole, dai bambini, da urgenze personali?
Era da un po’ che io e Maurizio Ceccato ci interrogavamo sulle favole di recente scrittura, quali fossero i contenuti che veicolavano e quali ingredienti utilizzassero per raccontare la modernità. Alcune di queste nuove favole riescono a fare breccia, nei genitori, nei bambini, ma molte restano nell’oblio. Cioè non raggiungono il lettore. E così ci siamo domandati cos’è che potesse tenere legati i genitori e i figli a una stessa lettura. E la risposta è stata immediata: un personaggio della nostra infanzia che parlasse con il cuore in mano delle proprie emozioni. Vicino alla mamma e al papà che leggono, ma con un linguaggio vicino ai figli.

Chi sono gli autori coinvolti e come si è svolta l’operazione di riscrittura?
Pinocchio è stato riletto da Alberto Fiori, musicista e paroliere. Un autore con una spiccata sensibilità e un gran senso del ritmo. Con lui c’è stata un’alchimia perfetta. Io gli ho esposto cos’è che sentivo come urgenza, e lui ha intercettato uno spiraglio narrativo inedito, ma soprattutto inaspettato. Il ritmo del cuore che inizia a battere in un corpo di legno segna l’inizio della trasformazione. Un viaggio fatto di rumori che Pinocchio non conosce e che lo riportano a vecchie paure passate. Non a caso questa trasformazione avviene di notte che è il luogo archetipico delle paure. Il luogo dove non esiste la ragione, ma solo la percezione. E il viaggio si conclude con l’arrivo della piena consapevolezza di sé stessi.

pinocchio_juvenilia_03Parliamo dei bambini “illustratori”. Quanti sono, che età hanno, come hanno lavorato, erano al corrente del fatto che le loro illustrazioni sarebbero finite in un libro?
I bambini, dai cinque ai dieci anni, sono arrivati in libreria da Scripta Manent grazie a una call fatta tra i nostri lettori affezionati, ma poi si è sparsa la voce col semplice passa parola tra genitori. Quello offerto era un laboratorio finalizzato all’insegnamento di una tecnica di illustrazione: il collage. Cecilia Campironi è una professionista. L’idea che quelle tavole potessero diventare le illustrazioni del libro ha costretto tutti i partecipanti a prendere sul serio il lavoro proposto. Sei appuntamenti e quasi quindici ore di lavoro. I bambini erano stanchi ma l’entusiasmo li ha tenuti sempre attentissimi.

Perché la decisione di pubblicare come IFIX invece di affidare un progetto così innovativo a un editore, magari specializzato in albi illustrati e letteratura per ragazzi?
IFIX è sempre stato un laboratorio, un’opportunità per le idee e per le persone di creare alchimie. Lavorare a un libro come questo richiede di guardare al pubblico bambino con le dovute precauzioni. Fare un libro per bambini è una sfida che va portata avanti con tutti i necessari supporti professionali. Non basta un disegno o una filastrocca per accontentare un pubblico così esigente e ci siamo voluti misurare in questa prospettiva. Abituati, in fondo, a offrire già la massima cura sia nei contenuti che nei dettagli estetici e grafici. E poi perché rientra nelle prerogative IFIX lavorare con le narrazioni per immagini.

Come si svilupperà la collana? Quante uscite sono previste e con quale cadenza? Insomma qual è il piano editoriale di Juvenilia?
Le prossime uscite arriveranno in maggio con La Sirenetta e Il brutto anatroccolo. I tempi non potranno essere rigidissimi perché i laboratori sono itineranti e devono produrre immagini di qualità. Il lavoro di post-produzione è davvero minimo e quindi produrre le tavole richiede molto tempo e cura. E poi ci sono le storie da riscrivere, gli appuntamenti con la dottoressa Eugenia Cassandra, psicologa dell’età evolutiva, ci aiutano, a noi della redazione e agli autori, in un mondo di argomenti che non si evincono da una lettura superficiale delle favole stesse.

pinocchio_juvenilia_04

Chi vorresti come lettore ideale di questa collana?
Il pubblico a cui ci rivolgiamo è sicuramente quello dei bambini di età tra i cinque e i dieci anni. Se da una parte la semplicità del testo, infatti, sembra rivolgersi ai primi, la forza delle immagini e l’indagine dentro sé stessi e le proprie paure, avvicina alla lettura anche i più grandi. E poi ci sono i genitori ai quali destiniamo uno strumento per poter affrontare attraverso la lettura, i temi più cogenti all’età dei figli. La collana Juvenilia è stata pensata per realizzare libri fatti dai bambini per i bambini.

Un libro si progetta. La parola alle idee. Incontro con Maurizio Ceccato (2)

locandina_15gen_webCOSA SI FA CON UN LIBRO? prima edizione Roma

di Lorena Bruno

Ricco di spunti di riflessione il terzo incontro di Cosa si fa con un libro? con Maurizio Ceccato di Ifix, a Garbatella nella sede di Altrevie.

«Ho sempre pensato che il designer fosse un po’ un sabotatore delle immagini, perché inganna cercando di attirare lo sguardo su un’immagine».

Per iniziare a parlare del mestiere di grafico editoriale, art designer e illustratore Ceccato ha scelto una frase di Alice nel paese delle meraviglie di Lewis Carroll: «E a che serve un libro senza dialoghi né figure?». Ha proseguito affrontando il tema delle copertine, lui che ne ha ideate moltissime per case editrici come Laterza, Fazi, Gaffi, Hacca, Elliot.

La copertina ha un vita autonoma, seppur contigua al libro? «È soggettivo – risponde Ceccato – io dissento dai manuali. Non mi sento attratto dalla grafica come qualcosa in cui ci siano solo regole esatte, alcune vanno sabotate». Insiste sul concetto del sabotaggio e spiega come non sia affatto facile interpretare un libro e tutte le parole di cui è composto con una sola immagine, «perché l’immagine viene prima della parola: la prima cosa che facciamo quando ci troviamo davanti a un cartellone pubblicitario è decodificare l’immagine, poi le parole».

Tecnicamente, spiega Ceccato, l’immagine è di una complessità superiore a quella della parola, che si può decodificare in modo esatto, a differenza del segno che non sempre può essere interpretato con certezza. «Io non leggo il libro di cui devo fare la copertina, preferisco farmelo raccontare dagli addetti ai lavori». E non gli piace la “scontatezza” di una copertina con l’immagine che richiama il titolo, è meglio pensarne una che faccia venire al lettore la curiosità di sapere il perché di quella scelta iconografica. L’attività della grafica è comunicazione.

Divaga Ceccato, mentre parla di pittori come Caravaggio, Michelangelo e Leonardo, di grandi capolavori dell’arte e di tecniche sorprendenti usate nelle loro opere più famose.

«Non si può essere certi del fatto che una copertina sia perfetta per un libro, ci si deve affidare alla cura della composizione, alla bellezza dell’immagine, bisogna sempre chiedersi se sia autosufficiente rispetto al libro: in quel caso può funzionare».

Al centro della serata anche i due progetti cui Ceccato tiene molto: Watt, la rivista-libro nata dalla collaborazione con Oblique Studio (se ne è parlato con Leonardo Luccone l’11 dicembre) e B comics, un progetto editoriale dedicato al fumetto. Watt, dove narratori e illustratori sono stati chiamati a lavorare su un progetto comune, dimostra come parole e immagini siano diverse, due rette parallele destinate a non incontrarsi, che tuttavia possono avere insieme una forza narrativa affascinante. Tre numeri, a metà tra libro e rivista, ciascuno con un tema o un filo conduttore, un segno in copertina, un colore in particolare. L’intento è stato quello di confrontarsi con il parere dei lettori e dei librai – con chi legge insomma – e non con la critica o con altri interlocutori. C’è stato un riscontro positivo da parte del pubblico, che ancora è incuriosito, sebbene il progetto si sia concluso con il terzo volume.ceccato

«Per progettare Watt non mi sono inventato nulla, ma sapevo che sarebbe stato fatto qualcosa che era stato dimenticato». Per il suo lavoro si ispira ai grandi pittori del passato, ma anche alla grafica futurista, a Munari, a Urania e alle vecchie riviste, citando Carroll ancora una volta: un grande narratore, ma anche un illustratore e Bcomics_inside + coverun fotografo.

B comics è un volume di storie a fumetti (alcune in bianco e nero e altre a colori molto vivaci) di autori italiani dagli stili diversi. Il fumetto è  “complesso”, dal linguaggio immediato: per descrivere una vignetta il più delle volte ci vorrebbero molte parole, perché è in grado di raccontare azioni, movenze e stati d’animo dei suoi personaggi.

La serata si è conclusa con un aneddoto sul presidente americano Franklin D. Roosvelt.

Il prossimo appuntamento di Cosa si fa con un libro? è il 6 febbraio con lo scrittore Davide Orecchio, perché… un libro si scrive!

Un libro si pubblica. La parola all’artigiano dell’editoria. Leonardo Luccone (2)

locandina_11dic_webCOSA SI FA CON UN LIBRO? prima edizione Roma
di
Lorena Bruno

Successo di pubblico al secondo incontro di Cosa si fa con un libro? con Leonardo Luccone di Oblique.

«Dietro il libro c’è un lavoro che non muta da cinquecento anni, è un vero e proprio manufatto e richiede molto impegno, in ogni caso». è partito da qui Luccone per spiegare l’attività di Oblique, studio fondato diversi anni fa con Elvira Grassi e Giuliano Boraso, per raccontare il dietro le quinte dei libri, tutto quello che accade dalla mente dell’autore alla vetrina del libraio. Dopo aver ascoltato un brano del Notiziario Einaudi, un periodico d’informazione che Italo Calvino curò per anni per far conoscere le attività della casa editrice, si è entrati nel vivo dell’attività, un lavoro che viene fatto a mano, e per questo lo si può ancora definire una forma di artigianato.

«Noi costruiamo il libro», dice Luccone. In una prima fase si riceve un file via mail. Con l’avvento della posta elettronica è tutto molto più semplice per chi si vuole proporre a una casa editrice o a un’agenzia letteraria. Aumenta però a dismisura il materiale ricevuto al punto che diventa quasi impossibile leggerlo e valutarlo tutto, sia perché ci sono sempre meno persone dentro una casa editrice, sia perché la qualità dei libri proposti il più delle volte è molto scarsa. Una volta scelto il testo sui cui lavorare si mettono in campo altre competenze, prima fra tutte  quella dell’editor che interviene sui contenuti e la struttura narrativa, ma anche sugli aspetti grammaticali, sintattici, ortografici.

ross

«L’editor prende in carico il libro e lo rende consono alla pubblicazione – spiega Luccone – è molto raro che un testo venga pubblicato esattamente com’è. L’editor si confronta con l’autore, cercando di fare il suo bene, ma anche quello del libro». Italo Calvino, oltre a essere uno scrittore era un redattore di Einaudi, e di lui si sono apprezzate moltissimo tali capacità: quando interveniva su un libro che non era il suo, non interveniva pesantemente sul testo ma si limitava a dare suggerimenti. È così che un editor dovrebbe svolgere il proprio lavoro.

Un’altra attività di Oblique molto significativa è quella di scouting, di scoprire nuovi talenti letterari. Per questo ci vuole intuito e forse anche un po’ di fortuna, oltre a qualche idea. Proprio per creare maggiori opportunità di scoperta Luccone e soci si sono inventati un concorso letterario particolare, 8×8, dove i concorrenti sono invitati a scrivere un racconto di 8000 battute. Se superano la prima selezione dovranno leggere ad alta voce davanti al pubblico e alla giuria. Da questo concorso sono usciti molti autori che poi Oblique ha seguito come agenzia letteraria. Valga per tutti l’esempio di Paolo Piccirillo, che ha esordito con Zoo col semaforo per Nutrimenti, diventando un piccolo caso editoriale (circa 2500 copie vendute, che per una piccola casa editrice e un autore sconosciuto sono numeri straordinari), ed è arrivato al Premio Strega 2014 come finalista con La terra del sacerdote, per Neri Pozza. In questo secondo caso i numeri sono stati diversi.

luccone_meMa di cosa ha bisogno un libro per essere valido? Per Luccone un buon libro è quello che tra vent’anni, o anche subito, sarà riconosciuto come un capolavoro. In passato le case editrici puntavano molto a progettare libri di qualità, che resistessero al tempo, oggi invece si preoccupano di vendere quelli che salvano il bilancio. La crisi ha causato un aumento di libri pubblicati nella speranza di riuscire a vendere di più, una scelta che ha penalizzato la qualità.

La serata si conclude con uno sguardo alla rivista Watt, il progetto editoriale che Oblique ha curato con Ifix di Maurizio Ceccato (che sarà protagonista del terzo appuntamento in programma il 15 gennaio 2015), una rivista-libro dove autori e illustratori hanno lavorato in stretta collaborazione.

«La cosa bella di questo lavoro è la sensazione di non stare lavorando», chiude Luccone e non possiamo che augurargli di  sentirsi così ancora a lungo.

FUORI CAMPO – B comics • Fucilate a strisce di Maurizio Ceccato

FUORI CAMPO – Rubrica dedicata all’illustrazione e al fumetto

B comics teaserOK2+

Sabato 22 novembre alle 17,30 a BilBOlbul, il Festival Internazionale del Fumetto a Bologna, presentazione ufficiale di B comics • Fucilate a strisce, il progetto editoriale dedicato al fumetto di Maurizio Ceccato (Ifix), insieme a Alessio Trabacchini per la ricerca dei disegnatori e Lina Monaco, che ha curato la redazione.

Riproponiamo qualche stralcio dell’intervista di frizzifrizzi per scoprire di che cosa si tratta.

«B comics è un’utopia a fumetti tutta italiana, con autori italiani, carta italiana (Fedrigoni) e tipografo italiano (Futura Grafica 70).
B comics ha le storie fatte di carta con le pagine in technicolor.
B comics privilegia il rapporto diretto con i librai, guide esperte nella selva delle pubblicazioni.
B comics non gode di finanziamenti pubblici e non ne cerca per salvaguardare la propria autonomia».

«B comics è un portavoce di segni. E di storie. Se non ci sono più luoghi cartacei che sperimentano linguaggi così complessi come il fumetto allora lo creiamo noi. Così come per Watt abbiamo creato un laboratorio per narratori e illustratori, ora è il momento di farlo con il fumetto».

 «Non siamo un periodico e come sottolineai con Watt non siamo neanche un libro. Questa prima uscita sarà un apripista su un progetto dedicato alle onomatopee, il primo volume (questo) sarà il sostantivo/onomatopea: CRACK!»

B comics sarà a Più libri più liberi, a Roma, dal 4 all’8 dicembre, con lo stand IFIX.

Bcomics_inside + cover

WATT

Speciale WATT: intervista a Luccone (Oblique) e Ceccato (Ifix)

Leonardo Luccone (Oblique) risponde.

ObliqueCome e quando è nata l’idea di WATT?
Sia Oblique sia IFIX hanno maturato negli anni una considerevole esperienza nella realizzazione di pubblicazioni periodiche anche di pregio letterario o artistico. Magari in collaborazione con altri o per altri. L’idea di un contenitore di storie narrate e illustrate risale a un anno fa. È un proposito che abbiamo coltivato e innaffiato da subito dedicandoci le nostre migliori energie. Continua a leggere

WATT

Speciale WATT: il progetto editoriale

WATTInizia da oggi uno speciale di Via di Serpenti dedicato a WATT, la nuova rivista creata da Oblique, l’agenzia letteraria di Leonardo Luccone, Elvira Grassi e Giuliano Boraso  e dallo studio grafico Ifix di Maurizio Ceccato.
Prima di recensire i racconti del numero O, cominciamo con una descrizione del progetto editoriale e le interviste a Luccone e Ceccato.

Ricordiamo, inoltre, che questa sera alle 21, al Circolo degli artisti, in Via Casilina Vecchia 42, ci sarà la presentazione di WATT. Interverranno, oltre a Oblique e Ifix, gli autori Paolo Piccirillo, Athos Zontini, Camilla Corsellini, Marianna Garofalo, Luciano Funetta, Marilena Pasini. Continua a leggere